Oro puro: quali sono le caratteristiche?


In natura possiamo trovare l'oro puro o in leghe con altre sostanze, non necessariamente altri metalli.
L'oro è uno dei metalli più preziosi. Deve la sua fama, oltre che il valore che ancora oggi gli viene riconosciuto, alle caratteristiche e proprietà organolettiche che ne fanno un elemento assolutamente ineguagliabile.
L'estrazione dell'oro comporta un notevole dispendio, ma ne bastano 2 - 3 grammi per giustificare gli investimenti. E' inoltre da considerare che l'oro può essere trovato un po' ovunque nel terreno, nella "ganga" e anche nell'acqua di mare, ma in questi casi la percentuale di metallo prezioso è talmente scarsa da sconsigliare il tentativo di recupero.
Secondo alcune stime, da una intera tonnellata di crosta terrestre, si potrebbero ricavare soltanto 4 milligrammi di oro.
L'uomo ha comunque sempre trovato il modo di estrarlo, tanto che dalla sua scoperta ad oggi, si calcola ne siano state estratte 180.000 tonnellate, alle quali ogni anno se ne aggiungono altre.

Tra le caratteristiche più rinomate vi sono la densità e la duttilità. 
L'oro ha infatti un peso specifico molto elevato inferiore solo al platino, pari a 19,3 g/cm cubo, ma mantiene una morbidezza tale da renderlo adatto a molteplici usi, il primo dei quali fu nel passato la coniazione di monete. 
La duttilità consiste nella possibilità di lavorarlo molto facilmente, tanto che è possibile ridurlo a lamine molto sottili, addirittura fino allo spessore minimo di 1 decimillesimo di millimetro, senza che perda la propria omogeneità. 
Allo stato puro esso è eterno e incorruttibile: non si scurisce, non si arrugginisce, è inalterabile. 
Non stupisce quindi che ad esso si ricorra per gli usi più disparati. 
Sebbene infatti l'oro puro trovi un impiego primario come forma di investimento, sotto forma di barre e lingotti, l'inerzia, la resistenza elettrica, nonché l'alto punto di fusione, lo rendono indispensabile nell'industria elettrica e elettronica, al pari dell'argento, e addirittura nella costruzione di veicoli spaziali.
Se stupisce questa circostanza, si pensi che l'oro è presente in quantità non indifferente nei computers di uso domestico, nonché nei cellulari e smartphone dove in percentuale è addirittura superiore ed è visibile ad occhio nudo. Basta rimuovere la batteria dal proprio alloggio per scoprire che i contatti brillano di metallo giallo.

Allo stato puro, per la tenerezza della sua composizione, non si presta invece all'uso in oreficeria.
Gioielli, monili, medaglie o orologi sono infatti forgiati ricorrendo a delle leghe, ovvero unendo l'oro puro ad altri metalli.
Questo influisce sia sul valore, che viene calcolato in base ai carati, sia sull'aspetto dell'oro stesso.

Per quanto riguarda il valore, è bene infatti tener sempre presente, che l'oro viene quotato sui mercati internazionali come oro puro, per il quale si determina un valore espresso in dollari per oncia di oro fino, dove l'oncia è una unità di peso che corrisponde a 31,1328 grammi.

L'oro in commercio nelle gioiellerie e presso i compro oro, non è invece oro puro, per i motivi che abbiamo indicato. E' invece metallo con carature inferiori, a seconda della nazione, le più usate sono 18Kt, 16Kt e 14 Kt.
Il carato è una unità di misura che non si riferisce solo all'oro. Viene utilizzata anche per diamanti e pietre preziose e in questo caso equivale a 0,2 grammi. Con riferimento al metallo giallo, essa indica l'unità di purezza. 
L'oro puro contiene 24 Kt, il che significa che quando per la lavorazione di utilizzano delle leghe con altri metalli, 24 sarà la misura sulla quale calcolare la purezza. Ad esempio, un monile composto per 18 parti di oro e 6 parti di rame e argento, sarà marchiato con la dicitura 18 Kt.
Curiosa è l'origine di questa unità di misura, che si richiama ad una moneta tedesca, chiamata marco come quella moderna, ma composta di oro allo stato puro e che pesava 24 carati, ovvero 4,8 grammi. 

Come già accennato l'oro da gioielleria è in realtà una lega, nella quale l'oro è unito ad altri metalli, al fine di aumentarne la rigidità e con la conseguenza, a volte, di variarne il colore, che dal giallo varia al rosso o al bianco a seconda della composizione.
In genere a tale scopo si utilizzano rame e argento: il pregiato oro bianco è composto a oro e nichel, argento o palladio in proporzioni rispettivamente pari a 75% e 25%; la presenza di di rame (20%) e argento (6,5%) , dà invece origine all'oro rosa.

  • Come riconoscere l'argento di qualità

    L’argento è un metallo prezioso di transizione dal caratteristico colore bianco lucido e dalle numerose applicazioni d'uso. Infatti è un ottimo conduttore di elettricità e di calore e si lavora facilmente in quanto molto duttile. Oltre a essere impiegato per realizzare gioielli e oggetti di argenteria (cornici, boccali, posate, samovar o soprammobili), è di base per la realizzazione dei circuiti interni dei vari dispositivi. Al tempo stesso bisogna tenere a mente che l'argento può essere ...

  • Brexit e investimento oro cosa succede?

    In questi giorni si parla molto della vittoria del referendum per l'uscita da parte dell'Inghilterra dall'Unione Europea, e già corrono voci di un secondo referendum per fare retromarcia, proviamo a evidenziare cosa accadrà nei prossimi mesi, se la situazione rimarrà invariata. L'estrema volatilità dei principali titoli di borsa registrata sui mercati dopo Brexit avrà, sia nel breve che nel medio e lungo periodo, due dirette conseguenze: 1. la prima sarà quella di determinare una corsa ...

  • Sfaccettature d'oro

    L'oro è un elemento chimico, il cui numero atomico è 79 ed è indicato sulla tavola periodica con il simbolo Au, termine che deriva dalla parola latina aurum. Il peso atomico di questo metallo è 197,285 ed è infatti uno degli elementi più pesanti esistenti in natura. Grazie alla sua particolare composizione chimica, l'oro è ritenuto un "metallo nobile", in quanto non può essere alterato se a contatto con l'ossigeno, l'umidità o altri agenti chimici. L'unica composizione in grado di ...

  • Oro usato o da investimento?

    Prima di decidere se acquistare un oggetto d'oro o se conviene investire in oro fisico, è necessario capire la differenza tra oro e oro usato.In questa guida, quindi, saranno evidenziati i parametri fondamentali per una corretta valutazione dei propri monili, e quali servizi utilizzare per un acquisto veramente vantaggioso e sicuro.  In natura l'oro si presenta sotto forma di cristalli di diverse forme o in aggregati filiformi, pagliuzze e pepite.In questo caso si tratta di "oro non ...

  • Metalli preziosi e punzonatura

    punzonaturaNella lavorazione dei metalli, il termine punzonatura sta ad indicare la tecnica con la quale si imprime sull'oggetto il marchio identificativo del materiale stesso. Per i metalli preziosi, infatti, la legge italiana - ma anche le normative europee vigenti - impone l'obbligo di marchiare secondo codici prestabiliti in particolare sia l'oro che l'argento, così da rendere subito riconoscibile caratteristiche e purezza dei metalli venduti o acquistati. Secondo il Decreto Legislativo 251/99, i ...

  • Oro usato è possibile venderlo ma anche acquistarlo

    oro lavoratoMolti sono convinti che la moderna attività dei compro oro sia essenzialmente legata ai servizi di acquisto di oro usato, e quindi utilizzata sopratutto da chi intende disfarsi dei propri oggetti preziosi, per ottenere il massimo guadagno possibile.Invece, sia mediante i punti vendita tradizionali che attraverso i siti on line di riferimento, gli operatori professionali in oro, nel tempo, si sono strutturati sempre più e sempre meglio, offrendo, alla propria clientela, anche la possibilità ...

  • Le differenti lavorazioni dei metalli preziosi

    lavorazioni orafeLe lavorazioni orafe sono tutte quelle fasi che portano alla nascita di un gioiello: dalla progettazione del design alla prototipazione, dalla fusione alla rifinitura e infine alla lucidatura.La lavorazione, in particolare dell’oro, uno dei metalli che fu utilizzato per primo grazie alle doti di malleabilità e di indistruttibilità, sono più o meno rimaste le stesse nel corso del tempo: i gioielli sono infatti ottenuti dalla fusione del metallo e realizzati attraverso svariate tecniche ...

  • Argento metallo prezioso

    argento metallo preziosoE' splendente, luminoso e prezioso. E' un compagno "di valore" della storia dell'uomo ormai da 5.000 anni e nonostante il tempo che passa resta protagonista amato e apprezzato delle nostre vite, in molteplici forme. E' l'argento, metallo nobile, principe dei metalli preziosi, con una storia affascinante quasi quanto la sua natura chimica.Furono i Sumeri i primi ad accorgersi delle potenzialità di questo metallo, adottandolo non solo a scopo di lavorazione, ma introducendolo come "materiale ...

  • I metalli preziosi, dall'estrazione al gioiello

    lavorazione metalli preziosiI gioielli sono bellissimi oggetti che adornano collo, braccia e dita. Ne esistono di svariati tipi e forme e sono creati per soddisfare le esigenze e le preferenze di chiunque voglia avvalersi di questa forma di lusso estetico. Non tutti però riflettono sulle loro origini e sono davvero in pochi a conoscere le modalità di estrazione e lavorazione della pietra che porta alla nascita di tali orpelli.Un gioiello è prima di ogni altra cosa un metallo. I gioielli vanno annoverati nella sfera dei ...

  • Oro etico, cos'è?

    Negli ultimi periodi, uno degli argomenti più discussi è stato il cosiddetto oro etico. Spesso, infatti, questo termine è stato citato dai media, ma non tutti conoscono esattamente il suo significato e il motivo per il quale si tratta di un argomento tanto discusso. Per oro etico, nello specifico, si intende l'oro estratto con tecniche non invasive, vale a dire senza l'utilizzo di metodi che possano essere considerati nocivi sia per l'ambiente che per le comunità situate nelle vicinanze dei ...

OroElite

Copyright OroElite Srl
P. IVA 10892621003
No. REA RM-1262094
Capitale Sociale: € 133.334,00

Web Agency Molecole

Dove siamo
© Compro Oro Roma - OroElite - Massima Valutazione Oro Usato