Quando sono nati gli orecchini?

L’usanza di adornare le orecchie con gioielli, pendenti e con vere e proprie modifiche estetiche e "fisiche" ha origini antichissime. La pratica si inserisce all’interno di tutte quegli interventi che, in ogni popolazione della storia, hanno caratterizzato la volontà di modificare in qualche modo il corpo degli uomini.
In questo scenario, gli orecchini occupano un ruolo importante e, anche grazie a tantissimi ritrovamenti archeologici, oggi siamo in grado di ricostruire i vari significati, magici, superstiziosi, di bellezza o di potere, che essi hanno avuto presso diversi popoli.

Tra i gioielli, l’orecchino è sicuramente quello che più degli altri ha attorno a sé un’aura di leggenda e di una certa stravaganza, adattandosi sia al corpo dell’uomo sia a quello delle donne. Nei primi, l’orecchino ha contraddistinto le figure dei re, ma anche quelle del pirata, dello zingaro, dell’eroe trasgressivo. 
Storicamente, la presenza degli orecchini appare già all’interno della Bibbia, precisamente nel primo libro, quello della Genesi, che li indica come dei talismani associati alla famiglia di Giacobbe.
Più tardi, in età ellenistica, l’orecchino assume un significato più "popolare", diffondendosi anche ad altri strati della popolazione.
Particolarmente variegato e significativo è l’uso dell’orecchino presso diverse tribù africane: in Mali, per esempio, la madre è solita infilare diciotto orecchini nel lobo della figlia prima del matrimonio, per allontanare le maldicenze nei suoi confronti. In Kenia, invece, la perforazione del lobo avviene con la circoncisione o nel passaggio dall’età dell’infanzia a quella della pubertà. In altri popoli ancora l’orecchino è segno di seduzione: i grossi pendenti che tintinnano durante i balli altro non sono che dei segnali erotici lanciati verso i maschi.

Di significato in significato, l’orecchino è arrivato fino ai giorni nostri, rimanendo sempre uno degli ornamenti più apprezzati. Negli uomini è rimasto un segno di trasgressione, anche se con il passare degli anni sempre meno forte, fino a diventare un vezzo originale o poco più. Nelle donne, invece, continua ad essere un ornamento di bellezza e, a suo modo, di seduzione, ma anche un semplice accessorio da indossare tutti i giorni.

Di orecchini ne esistono un’infinita varietà, e se, oggi, non hanno più un significato così diverso l’uno dall’altro, le diverse forme e fattezze sicuramente sono caratteristiche precise da tenere in conto per trovare l’abbinamento migliore sia con i propri indumenti, sia con i lineamenti del proprio viso.
Su un volto dalle line rotonde, per esempio, i più indicati sono gli orecchini dalla forma lineare e allungata, meglio se di forme leggermente squadrata proprio per non sottolineare la rotondità del viso.
Per i visi più ovali, invece, l’attenzione principale deve essere rivolta a non far superare agli orecchini la linea della mandibola, per non accentuare ulteriormente l’allungamento del volto. Vanno bene tutte le forme, anche molto appariscenti. Come colori: se si hanno i capelli scuri, meglio contrastare con perle bianche e pietre luccicanti.
La scelta cade su modelli piccoli, invece, per i visi triangolari, con l’obiettivo di equilibrare gli spigoli naturali con le rotondità dell’ornamento. In questo caso meglio non accentuare i contrasti, stando su tonalità d’oro e d’argento per chi ha i capelli biondi. 
Discorso analogo per i visi quadrati, con una predilezione per gli orecchini ad anello o particolarmente bombati in modo da attenuare le spigolosità del volto. Se per bionde e more gli abbinamenti dei colori li abbiamo visti, per le rosse l’indicazione è di intonare colori caldi in armonia con le tonalità dei capelli.

Per quanto riguarda i capelli, è importante che anche il taglio sia abbinato agli orecchini che si scelgono: per i capelli lunghi, per esempio, è necessario utilizzare orecchini lunghi e pendenti, meglio se vistosi, così da farli spiccare tra la folta capigliatura.
Con i capelli corti, invece, il top sono gli orecchini a bottone: con le perle per occasioni più chic, più colorati per i momenti meno formali. Un taglio di capelli corti mette ancor più in risalto i lineamenti del volto, per questo è bene che gli orecchini seguano lo stesso concetto e non "disturbino" l’insieme ma fungano da ulteriore elemento di valorizzazione.

Per l’acquisto dei giusti orecchini, non c’è che l’imbarazzo della scelta, è sempre bene provarli prima di acquistarli, a meno che non si tratti di un regalo. Certo è che, se per gioielli di minor valore e dal look più scanzonato, si possono trovare ottime cose anche sulle bancarelle e nei negozi di bigiotteria; per scegliere un orecchino più prezioso, per serate eleganti e ricorrenze particolari,è sempre meglio rivolgersi a una gioielleria specializzata, dove poter trovare i giusti consigli e avere la garanzia della massima qualità.
Non dimenticare inoltre che è possibile acquistare gioielli delle più grandi marche, senza necessariamente rinunciare al risparmio, questa opportunità viene offerta ad esempio dalla OroElite S.p.a. che mette in vendita i gioielli più belli, rigenerati, ossia ripristinando lo splendore originario dei gioielli usati, grazie a tecniche all'avanguardia.

  • Acquistare gioielli usati dai compro oro

    compro gioielli usatiNello stesso momento in cui si decide di prendere in considerazione l'idea dell'acquisto di gioielli, sorge spontanea la domanda di quanto si è disposti a spendere per poter ottenere quel pezzo tanto desiderato.Nella maggior parte dei casi, nonostante ci sia la voglia di spendere il giusto per un gioiello di stile, la realtà ci mette davanti ad una scelta: acquistare gioielli di poco valore, risparmiando oppure, fare una spesa folle per poter indossare i gioielli che più ci piacciono.Ma c'è ...

  • Dove comprare gioielli usati?

    gioielli usatiLa nascita di un figlio, le nozze, il conseguimento della laurea, l' ambita promozione: queste occasioni non sono soltanto momenti felici da condividere con i propri cari, ma rappresentano le tappe fondamentali della vita, che meritano di essere sottolineate con un oggetto prezioso.Un regalo è un pò lo specchio dove si riflette la propria personalità, si viene giudicati non solo per il suo valore, ma anche per quello che esso rappresenta e per il tempo che gli è stato dedicato. Donare un ...

  • Segno positivo per il mercato dell'esportazione del gioiello made in Italy

    gioielli italianiNella fragile economia italiana, c'è un settore che è stato solo sfiorato dagli effetti negativi della crisi: la gioielleria.L'Italia, infatti, ha il primato nella produzione mondiale di gioielli ed è al terzo posto nelle esportazioni.Il settore orafo è considerato tra le eccellenze più competitive del made in Italy, tanto che il 70% della produzione è destinata al mercati internazionali e solo il restante 30% al commercio interno. Anche nel 2013 le esportazioni confermano il trend ...

  • Il mondo dei gioielli

    i gioielliNon è raro che con il termine "gioiello" si intenda riferirsi a qualsiasi monile ornamentale, considerandone la sola valenza estetica. E sicuramente l'aspetto dei gioielli costituisce gran parte del loro indiscusso fascino: il gioiello è un manufatto concepito, realizzato e indossato prima di tutto per la bellezza delle sue forme e dei suoi colori. Non bisogna dimenticare, però, che la preziosità dei materiali utilizzati distingue quei manufatti che possono in senso proprio essere definiti ...

OroElite

Copyright OroElite Srl
P. IVA 10892621003
No. REA RM-1262094
Capitale Sociale: € 133.334,00

Web Agency Molecole

Dove siamo
© Compro Oro Roma - OroElite - Massima Valutazione Oro Usato