Come riconoscere l'argento di qualità

L’argento è un metallo prezioso di transizione dal caratteristico colore bianco lucido e dalle numerose applicazioni d'uso. Infargento di qualitàatti è un ottimo conduttore di elettricità e di calore e si lavora facilmente in quanto molto duttile. Oltre a essere impiegato per realizzare gioielli e oggetti di argenteria (cornici, boccali, posate, samovar o soprammobili), è di base per la realizzazione dei circuiti interni dei vari dispositivi. Al tempo stesso bisogna tenere a mente che l'argento può essere presente allo stato puro oppure sotto forma di leghe di vario genere. Infatti il metallo con un livello di purezza 1000/1000 viene utilizzato soltanto per la creazione di lingotti e monete da investimento. Invece l'argenteria e i monili sono creati con delle leghe in quanto questo metallo è troppo malleabile per realizzare oggetti d'uso comune che non subiscano danni in poco tempo. Di conseguenza è necessario aggiungere materiali leganti (in particolare il rame, ma anche nichel, palladio oppure ferro) per migliorarne la resistenza. Infine in commercio sono presenti prodotti semplicemente placcati in argento e non in metallo prezioso. Proprio per questo motivo è fondamentale verificare con esattezza la qualità del materiale.
In Italia lo standard minimo fissato per legge per le leghe in argento è 800 millesimi, in quanto su 1.000 parti 800 sono in argento, mentre le restanti sono in rame. Tuttavia la lega più diffusa in commercio a livello mondiale è l'argento sterling, caratterizzato da un livello di purezza di 925/1000: di conseguenza il metallo usato è rappresentato per il 92,5% dall'argento e per il 7,5% da leganti. Per legge sull'oggetto si deve indicare il grado di purezza della lega all'interno di un ovale seguito da un esagono allungato dove sono riportate la sigla che identifica l'argentiere oppure l'azienda produttrice e la provincia dove il pezzo è stato creato. Se sulla superficie è impressa una dicitura come Argento, Old Sheffield, Sheffield oppure Silver plated si tratta di leghe impure o materiale argentato galvanicamente. Lo stesso vale per gli oggetti che riportano la dicitura Arg.1000 o Arg.800. Bisogna tenere a mente che la punzonatura dell'argento può essere diversa in base al Paese di produzione dell'oggetto: ad esempio la Francia, il Regno Unito e gli Stati Uniti impiegano simboli caratteristici. Ad esempio negli USA l'argento sterling viene indicato con il codice 925, S925 oppure .925, mentre in Francia si utilizza come marchio un simbolo che riporta la testa di Minerva. Invece per identificare il metallo puro si imprime sulla superficie un marchio a forma di vaso. Nel Regno Unito l'argento sterling viene marchiato con l'immagine di un leone, seguito dai simboli del fabbricante, della città dove è stato realizzato il pezzo e del patrocinatore. 
Per determinare la qualità dell'argento è possibile rivolgersi a un professionista del settore, che riesce a valutare correttamente il materiale prezioso. Si tratta di una soluzione particolarmente indicata per una vendita. In alternativa si può portare il proprio argento presso un banco metalli o un compro oro, dove la valutazione avviene secondo le quotazioni correnti di mercato. Queste attività commerciali sono finalizzate all'acquisto dei metalli preziosi dai privati, quindi rappresentano il mezzo ideale per vendere il proprio argento usato e avere una disponibilità economica liquida per le varie esigenze. 
Esistono anche metodi fai da te per verificare se un oggetto sia davvero in argento: ad esempio è possibile colpire delicatamente il metallo con un dito o una moneta. L'argento sterling emette un suono squillante e acuto, della durata di 1-2 secondi. Se non si percepisce un suono simile a quello di una campana, è stato usato un altro materiale. Inoltre bisogna tenere a mente che l'argento è completamente inodore e ha notevoli capacità antisettiche. Di conseguenza basta annusare l'oggetto con attenzione per qualche secondo. Se si avverte un odore intenso, non si tratta di argento sterling perché la concentrazione di rame è troppo alta. Infine si ricorda che questo metallo, proprio come l'oro, non è magnetico: un test per verificarne la qualità consiste nell'avvicinare al pezzo una forte calamita. Se si attacca alla superficie vuol dire che è stato usato acciaio placcato in argento.
  • Brexit e investimento oro cosa succede?

    investimento oroIn questi giorni si parla molto della vittoria del referendum per l'uscita da parte dell'Inghilterra dall'Unione Europea, e già corrono voci di un secondo referendum per fare retromarcia, proviamo a evidenziare cosa accadrà nei prossimi mesi, se la situazione rimarrà invariata. L'estrema volatilità dei principali titoli di borsa registrata sui mercati dopo Brexit avrà, sia nel breve che nel medio e lungo periodo, due dirette conseguenze: 1. la prima sarà quella di determinare una corsa ...

  • Sfaccettature d'oro

    sfaccettature d'oroL'oro è un elemento chimico, il cui numero atomico è 79 ed è indicato sulla tavola periodica con il simbolo Au, termine che deriva dalla parola latina aurum. Il peso atomico di questo metallo è 197,285 ed è infatti uno degli elementi più pesanti esistenti in natura. Grazie alla sua particolare composizione chimica, l'oro è ritenuto un "metallo nobile", in quanto non può essere alterato se a contatto con l'ossigeno, l'umidità o altri agenti chimici. L'unica composizione in grado di ...

  • Oro usato o da investimento?

    lingotti oro puroPrima di decidere se acquistare un oggetto d'oro o se conviene investire in oro fisico, è necessario capire la differenza tra oro e oro usato.In questa guida, quindi, saranno evidenziati i parametri fondamentali per una corretta valutazione dei propri monili, e quali servizi utilizzare per un acquisto veramente vantaggioso e sicuro.  In natura l'oro si presenta sotto forma di cristalli di diverse forme o in aggregati filiformi, pagliuzze e pepite.In questo caso si tratta di "oro non ...

  • Metalli preziosi e punzonatura

    punzonaturaNella lavorazione dei metalli, il termine punzonatura sta ad indicare la tecnica con la quale si imprime sull'oggetto il marchio identificativo del materiale stesso. Per i metalli preziosi, infatti, la legge italiana - ma anche le normative europee vigenti - impone l'obbligo di marchiare secondo codici prestabiliti in particolare sia l'oro che l'argento, così da rendere subito riconoscibile caratteristiche e purezza dei metalli venduti o acquistati. Secondo il Decreto Legislativo 251/99, i ...

  • Oro usato è possibile venderlo ma anche acquistarlo

    oro lavoratoMolti sono convinti che la moderna attività dei compro oro sia essenzialmente legata ai servizi di acquisto di oro usato, e quindi utilizzata sopratutto da chi intende disfarsi dei propri oggetti preziosi, per ottenere il massimo guadagno possibile.Invece, sia mediante i punti vendita tradizionali che attraverso i siti on line di riferimento, gli operatori professionali in oro, nel tempo, si sono strutturati sempre più e sempre meglio, offrendo, alla propria clientela, anche la possibilità ...

  • Le differenti lavorazioni dei metalli preziosi

    lavorazioni orafeLe lavorazioni orafe sono tutte quelle fasi che portano alla nascita di un gioiello: dalla progettazione del design alla prototipazione, dalla fusione alla rifinitura e infine alla lucidatura.La lavorazione, in particolare dell’oro, uno dei metalli che fu utilizzato per primo grazie alle doti di malleabilità e di indistruttibilità, sono più o meno rimaste le stesse nel corso del tempo: i gioielli sono infatti ottenuti dalla fusione del metallo e realizzati attraverso svariate tecniche ...

  • Argento metallo prezioso

    argento metallo preziosoE' splendente, luminoso e prezioso. E' un compagno "di valore" della storia dell'uomo ormai da 5.000 anni e nonostante il tempo che passa resta protagonista amato e apprezzato delle nostre vite, in molteplici forme. E' l'argento, metallo nobile, principe dei metalli preziosi, con una storia affascinante quasi quanto la sua natura chimica.Furono i Sumeri i primi ad accorgersi delle potenzialità di questo metallo, adottandolo non solo a scopo di lavorazione, ma introducendolo come "materiale ...

  • I metalli preziosi, dall'estrazione al gioiello

    lavorazione metalli preziosiI gioielli sono bellissimi oggetti che adornano collo, braccia e dita. Ne esistono di svariati tipi e forme e sono creati per soddisfare le esigenze e le preferenze di chiunque voglia avvalersi di questa forma di lusso estetico. Non tutti però riflettono sulle loro origini e sono davvero in pochi a conoscere le modalità di estrazione e lavorazione della pietra che porta alla nascita di tali orpelli.Un gioiello è prima di ogni altra cosa un metallo. I gioielli vanno annoverati nella sfera dei ...

  • Oro etico, cos'è?

    oro eticoNegli ultimi periodi, uno degli argomenti più discussi è stato il cosiddetto oro etico. Spesso, infatti, questo termine è stato citato dai media, ma non tutti conoscono esattamente il suo significato e il motivo per il quale si tratta di un argomento tanto discusso. Per oro etico, nello specifico, si intende l'oro estratto con tecniche non invasive, vale a dire senza l'utilizzo di metodi che possano essere considerati nocivi sia per l'ambiente che per le comunità situate nelle vicinanze dei ...

  • Oro puro: quali sono le caratteristiche?

    caratteristiche oro puroIn natura possiamo trovare l'oro puro o in leghe con altre sostanze, non necessariamente altri metalli.L'oro è uno dei metalli più preziosi. Deve la sua fama, oltre che il valore che ancora oggi gli viene riconosciuto, alle caratteristiche e proprietà organolettiche che ne fanno un elemento assolutamente ineguagliabile.L'estrazione dell'oro comporta un notevole dispendio, ma ne bastano 2 - 3 grammi per giustificare gli investimenti. E' inoltre da considerare che l'oro può essere trovato un ...